Arte

A Natale si ammira Ravenna in Luce

ravenna-in-luce-visioni-di-eterno

Ravenna in Luce: rassegna di videomapping

Per le feste di Natale, che ormai incombono, arriva in città una nuova iniziativa: Ravenna in Luce. Si tratta di una rassegna di videomapping che coinvolge vari luoghi e monumenti della città tra il 21 dicembre e il 7 gennaio 2018.
La direzione artistica è di Andrea Bernabini, artista e ideatore di spettacoli e festival, da anni impegnato nel Ravennate. Sempre lui è l’autore delle Visioni di Eterno che hanno emozionato tanti spettatori negli scorsi anni e che, sotto Natale, vedranno un nuovo capitolo.
Le installazioni luminose, toccheranno le architetture di quattro munumenti di Ravenna, facendone rivivere la storia e il mito. Si tratta del Battistero degli Ariani, del Palazzetto Veneziano e di Palazzo Rasponi-Murat, ai quali si aggiunge, dal 29 dicembre al 1 gennaio, San Giovanni Evangelista.

Il Cielo di Ravenna

palazzetto-veneziano-spettacolo-ravenna-in-luce

Il Palazzetto Veneziano durante lo spettacolo

La rassegna Ravenna in Luce porta luci, immagini e suoni in Piazza del Popolo. Infatti è la facciata del Palazzetto Veneziano a ospitare questa proiezione. Il Palazzetto (detto anche del Podestà), che si trova nell’angolo della piazza proprio tra la Prefettura e il Palazzo Merlato (sede del Comune), fu costruito proprio dai Veneziani nel quindicesimo secolo. Sulla sua architettura si potranno ammirare due diversi spettacoli alternati durante le serate: emozionali architetturali (18-19 e 20-21) e Il Cielo di Ravenna (19-20 e 21-22). In più per la notte di Capodanno, verrà presentato uno speciale conto alla rovescia per salutare il vecchio anno.

Il Trono d’Oriente

ravenna-in-luce-battistero-ariani

Il Battistero degli Ariani

Ravenna in Luce segna, però, anche una nuova tappa per le ormai celebri Visioni di Eterno, la rassegna dedicata ai monumenti Unesco della città. Dunque, arriva per Natale il sesto capitolo e stavolta diviene protagonista il Battistero degli Ariani con il Trono d’Oriente. La squadra ormai collaudata, che vede la regia di Andrea Bernabini, le animazioni visual 3D di Sara Caliumi e Roberto Costantini e le musiche di Davide Lavia, propone un viaggio visuale sul Battistero in piazzetta degli Ariani. Come per il Battistero Neoniano, la visione inizierà dalla fonte battesimale, ma poi indagherà più a fondo la storia del culto ariano. Le proiezioni si tengono tutte le sere dalle 18 alle 22.

Luna

Nel 2017 si festeggiano anche i sessant’anni di gemellaggio con la città di Chartres e Ravenna in Luce omaggia i cugini francesi con lo spettacolo Luna. L’evento site specific si tiene in Piazza Kennedy, più precisamente sull’ampia facciata di Palazzo Rasponi-Murat. Luna è un adattamento dello spettacolo Chartres en Lumières, prodotto dalla città francese che lo promuove tutti gli anni (nel 2018 si terrà tra 14 aprile e 6 ottobre), e curato da Camille Gross e Olivier Magermans. La storia racconta di una piccola luna che si spinge in un avventura fra vari mondi celesti per trovare la sua amica stella. Le proiezioni si svolgono tutte le sere dalle 19 alle 20 e dalle 21 alle 22.

MiRaggi

ravenna-in-luce-chiesa-di-san-giovanni-evangelista-abside

Veduta esterna dell’abside di San Giovanni Evangelista

Ulteriore ciliegina sulla torta è il video mapping MiRaggi, realizzato dallo studio di visual design Apparati Effimeri. Lo spettacolo interessa l’abside della basilica di San Giovanni Evangelista e ne racconta storia e vicissitudini. Il monumento, infatti, ne ha passate tante lungo il corso del tempo. Apparati Effimeri vuole così cercare nuovi legami tra passato e presente, tra la storia e le moderne tecniche dell’arte visiva. Le proiezioni di MiRaggi hanno luogo dal 29 dicembre al 1 gennaio dalle 18.30 alle 22. Inoltre, il 31 dicembre lo spettacolo parte alle 18 e si chiude all’una di notte del nuovo anno.

Informazioni sull'autore

Matteo Pezzani

Matteo Pezzani

Scrittore, storico, blogger, giornalista, buffone di corte ecc..

Lascia un commento