Arte

Subsidenze 2017: l’onda della street art a Ravenna

subsidenze-2017-mag-ravenna-nemo

La street art torna protagonista a Ravenna

Una nuova ondata di street art è pronta a colpire Ravenna. Non vi preoccupate, non c’è pericolo, troverete solo qualche murales qua e là durante le vostre passeggiate. È iniziato il festival Subsidenze 2017, con l’inaugurazione ufficiale a Mag – Magazzeno Art Gallery a Ravenna.

reve-più-street-art-subsidenze-2017-ravenna

Una delle opere di Reve Più

Subsidenze 2017 al Mag

Dentro al Mag (la galleria aperta quest’anno in Darsena) troverete alcune opere di importanti writer come Zamoc, GUE, Lorenzo Fonda, About Ponny, Mister Thoms, Collettivo FX e Reve Più. Inoltre, ci sono anche alcune creazioni musive di Andreco, Ciredz, Seikon, Giorgio Bartocci, street artist che hanno collaborato con il laboratorio di mosaico Musivaria di Udine.

Dentro e fuori, street art ovunque

Certo sentir parlare di street art in mostra, chiusa tra quattro mura può sembrar strano, ma questa è solo una parte di Subsidenze 2017. Infatti, alcuni degli artisti coinvolti inizieranno a breve a “dipingere” in giro per la città (come già accaduto nelle passate edizioni). Durante l’inaugurazione del festival, il curatore Marco Miccoli ha svelato alcune delle location ravennati che saranno interessate dall’ondata di street art. Tra queste la cupola Kirecò, via Gulli, un nuovo murales in zona Darsena, un altro nei pressi della scuola Itis e un’opera sarà creata dentro al carcere. I writer inizieranno il loro lavoro nelle prossime settimane, quindi aguzzate la vista, perché presto potreste scovare delle differenze nella città.

antonio-libutti-subsidenze-ravenna-street art

Antonio Libutti all’inaugurazione della mostra

La street art diventa documentario (viva lo streaming)

All’inaugurazione del 15 settembre c’era anche Antonio Libutti che ha presentato a Ravenna il suo documentario “Con gli occhi al muro. Ricognizione e reportage sullo stato della street art in Italia”. Il video è diviso in 5 frammenti ed è acquistabile online (www.congliocchialmuro.com). Si tratta di un viaggio attraverso l’Italia per conoscere writer e le opere di street art disseminate qua e là nelle nostre città. Antonio ha scelto di diffondere il documentario attraverso il web. «La distribuzione mainstream ti toglie libertà, decide quello che devi far vedere e che devi dire», ci ha raccontato. Di conseguenza ha optato per un canale diverso e sempre più utilizzato che dà la possibilità a ognuno di prendere lo smartphone, pagare una piccola cifra e guardarsi il video. Insomma, niente cinema e niente dvd, ma tanto il dvd mica lo puoi vedere quando sei sul treno. Con lo streaming invece sì.

Informazioni sull'autore

Matteo Pezzani

Matteo Pezzani

Scrittore, storico, blogger, giornalista, buffone di corte ecc..

Lascia un commento