Cinema Musica

SoundScreen 2017: a Ravenna il cinefestival sulla musica

SoundScreen 2017

SoundScreen 2017: da Iggy Pop ai Verdena.

Torna anche quest’anno, sempre a Ravenna, il festival del cinema incentrato sulla musica. SoundScreen 2017 trasformerà il Palazzo del Cinema di Ravenna (Largo Firenze, 1) in una sala cinematografica a tutti gli effetti.

Sul sito ufficiale si legge: «Cinema e Musica sono arti da sempre in stretta relazione tra loro. Parliamo di film di generi diversi, anche seguendo le ibridazioni tipiche della contemporaneità: come colonna sonora sempre meno accessoria e sempre più identità del film; ma anche e soprattutto come tema principale della narrazione: dalla fiction ai biopic, dai documentari al genere musical, con particolare attenzione alle opere di ricerca e di sperimentazione dei nuovi talenti del cinema internazionale.»

Il festival propone una selezione di film d’autore, ma di fatto pone l’accento sui film in concorso (per le sezioni cortometraggi e lungometraggi). È promosso e organizzato dall’Associazione Culturale Ravenna Cinema in compartecipazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Ravenna.

Il programma di SoundScreen 2017

Segue il programma (tratto dal sito ufficiale). I titoli in concorso sono affiancati dal simbolo Film in concorso.

Sabato 1 aprile

Ore 20:00GIMME DANGER, di Jim Jarmusch. USA 2016, 108′.
Dal grande regista Jim Jarmusch la storia del grande gruppo The Stooges e del suo leader Iggy Pop, i precursori del punk rock.

Ore 22:00JUNCTION 48 Film in concorso, di Udi Aloni. Israele 2016, 95′. Premio pubblico Panorama, Berlino 2016; Miglior fiction Tribeca 2016.
Il West Side Story del Medio Oriente. Kareem è un giovane rapper palestinese delle periferie di Tel Aviv, molto simili al Bronx: emarginazione, lavori saltuari, spaccio di droga, scontri con rapper ebrei nazionalisti, e amori contrastati da tradizioni bigotte. La musica di Kareem racconta la dura vita di queste periferie, ma ne è anche la speranza.

Domenica 2 aprile

Ore 15:45LET’S GET LOST, di Bruce Weber. USA 1988, 120′.
La carriera e i drammi del grande trombettista Chet Baker, dal 1950, quando suonava con Charlie Parker e Gerry Mulligan, fino al 1980, quando la sua dipendenza dall’eroina lo trascinò in Europa.

Ore 18:00THE LURE Film in concorso, di Agnieszka Smoczynska. Polonia 2016, 92′. Premio speciale Sundance 2016; Premio speciale Fantasia 2016; Miglior film FantasPorto 2016.
Una mediocre band punk americana in una desolante tournée tra i peggiori club degli Usa. Un concerto pieno di skinheads. E un omicidio che li precipita nell’horror.

Ore 21:45PAT GARRETT & BILLY THE KID, di Sam Peckinpah. USA 1973, 122′, con James Coburn, Kris Kristofferson, Richard, Jaeckel, Bob Dylan.

bob-dylan-in-pat-garret-billy-the-kid

Bob Dylan in una scena di Pat Garret & Billy the Kid.

Il grande western di Sam Peckinpah. Pat Garrett, ex compagno del fuorilegge Billy the Kid, è diventato sceriffo, e accetta l’incarico di eliminare il vecchio amico. Inizia così un massacrante inseguimento, dove solo uno vivrà.

Lunedì 3 aprile

Ore 20:00RAVING IRAN Film in concorso, di Susanne Meures. Svizzera 2016, 84′.
Due giovani DJ di musica techno a Teheran. Vorrebbero suonare la musica che amano e organizzare rave parties, ma il governo dell’Iran proibisce ogni musica della cultura occidentale, a costo del carcere.

Ore 21:45I’M NOT THERE – IO NON SONO QUI, di Todd Haynes. USA 2007, 135′, con Christian Bale, Cate Blanchett, Heath Ledger, Ben Whishaw, Richard Gere, Julianne Moore, Charlotte Gainsbourg.
Sei diversi personaggi in cerca di Bob Dylan. Sei diversi universi paralleli sulla sua vita e arte.

Martedì 4 aprile

Ore 20:00MAUDITE POUTINE Film in concorso, di Karl Lemieux. Canada 2016, 95′.
Vincent ruba droga alle persone sbagliate, e deve scappare. Nella fuga, ritrova dopo molti anni il fratello Michel. Mentre cerca di mantenere una vita normale suonando nella sua band, Vincent affronta la turbolenta spirale discendente del fratello.

Ore 21:45MILES AHEAD, di Don Cheadle. USA 2016, 100′.

miles-ahead-don-cheadle

Don Cheadle in MIles Ahead.

Fine degli anni ’70: all’apice della carriera, Miles Davis scompare al pubblico per cinque anni: solo nella sua casa, con problemi fisici, mescolando droga e antidolorifici, e la mente braccata da inquietanti fantasmi del passato.

Mercoledì 5 aprile

Ore 20:00SINGING IN GRAVEYARDS Film in concorso, di Bradley Liew. Filippine 2016, 143′, con Pepe Smith e Lav Diaz.
Pepe ha 68 anni ed è sosia di un cantante leggenda del rock filippino. Vive in solitudine ai confini tra realtà, fantasia e misticismo. Un giorno può finalmente aprire un concerto della star di cui è sosia, ma deve fare qualcosa che nessuno dei due ha fatto prima: scrivere una canzone d’amore.

Ore 22:30 – HEART OF A DOG, di Laurie Anderson. USA 2015, 75′.
Il primo film dell’artista Laurie Anderson è un viaggio estetico sulla gioia e il dolore, sul ricordare e il dimenticare, lamento lirico in memoria dei suoi amati: il cane Lolabelle e il compagno Lou Reed.

Giovedì 6 aprile

Ore 15:00NO DIRECTION HOME, di Martin Scorsese. USA 2005, 208′.
Scorsese racconta in questo memorabile documentario l’evoluzione di Bob Dylan tra il 1961 e il 1966, da cantante folk a cantante di protesta, da “voce di una generazione” a rock star.

Ore 18:30 (ingresso libero) – COOL FOR THE THREE, session di Maurizio Principato.
Il respiro jazz di Chet Baker, Enrico Rava e Miles Davis.

Ore 20:00 – RADIO DREAMS Film in concorso, di Babak Jalali. USA 2016, 97′. Premio Tiger a Rotterdam 2016; Gran premio giuria Seattle 2016.
Los Angeles. Una radio in lingua farsi per iraniani emigrati. E uno scrittore iraniano geniale e incompreso che vuole riunire i Metallica e i Kabul Dreams, il primo gruppo rock afgano.

Ore 21:45 – ENRICO RAVA: NOTE NECESSARIE, di Monica Affatato. Italia 2016, 97′.
La storia del jazz attraverso gli occhi, le note, i racconti di Enrico Rava. I mondi che hanno segnato e influenzato la sua musica e la sua vita, e gli incontri straordinari con le icone del jazz del ‘900.

Venerdì 7 aprile

Ore 16:00CORTOMETRAGGI in concorso

Ore 18:00 (replica) – JUNCTION 48 Film in concorso, di Udi Aloni. Israele 2016, 95′.

Ore 20:00 (replica) – THE LURE Film in concorso, di Agnieszka Smoczynska. Polonia 2016, 92′.

Ore 21:45 – LIBERATION DAY, di Morten Traavik. Norvegia – Corea del Nord 2016, 100′.
I Laibach, gruppo industrial sloveno di culto, è la prima rock band occidentale a essersi esibita in Corea del Nord: tra differenze ideologiche e culturali, censura, e un pubblico che non sa nulla di alternative rock.

Sabato 8 aprile

Sessions Progetto Cittadella Universitaria Fondazione Flaminia.

Ore 15:00Corti Nuvo: una selezione del Tout Court festival di Bologna.

Ore 17:00 My Back Pages, session di Maurizio Principato.
La vita, le opere e i colpi di scena di Bob Dylan, contestatore di successo.

Ore 18:00 – Soundtracks, di Christopher Angiolini: DJ-set sulle più famose colone sonore.

Ore 20:00GIRL ASLEEP Film in concorso, di Rosemary Myers. Australia 2016, 77′.
Greta, 15 anni negli anni ’70, vive con difficoltà la sua maturità. Durante la sua festa di compleanno, entra in un mondo surreale popolato da strane creature, come una Alice in un paese non delle meraviglie.

Ore 22:00 GENUINE, di Robert Wiene. Germania 1920, 70′. Live-score di Alberto Ferrari.
Alberto Ferrari dei Verdena sonorizza dal vivo il film muto espressionista Genuine di Robert Wiene, dalle atmosfere oniriche e horror: un soggetto ideale per la sensibilità artistica di Ferrari, lirica e visionaria in senso psichedelico.

Domenica 9 aprile

Ore 16:00 (replica) – LIBERATION DAY, di Morten Traavik. Norvegia – Corea del Nord 2016, 100′.

Ore 18:00 (replica) – HEART OF A DOG, di Laurie Anderson. USA 2015, 75′.

Ore 20:00 (replica) – MILES AHEAD, di Don Cheadle. USA 2016, 100′.

Ore 21:45 (replica) – GIMME DANGER, di Jim Jarmusch. USA 2016, 108′.

I cortometraggi in concorso per SoundScreen 2017

Estribillo, di César Tormo Garcìa (Spagna 2016, 4′).
Una adolescente sta provando una canzone nella sua stanza. Il padre entra e discute con lei, costringendola a fare come pensa dovrebbe essere fatto. Il padre vuole una canzone con il ritornello in tre parti ma lei vuole fare alla sua maniera.

Ixtab, di María Salgado Gispert (Spagna 2016, 18′).
Da pochi mesi recentemente vedova, Ixtab riappare in società prima di quanto sarebbe opportuno in tali circostanze, invitando tutti i suoi “amici” ad una festa.

Je ne suis pas un cygne, di Armand Lameloise (Francia 2015, 17′).
Pierre, 20 anni, si presenta come qualsiasi altro ragazzo della sua età. Ma per fare soldi extra, Pierre fa il gigolò. Un giorno riceve un insistente SMS da Hélène, una delle sue clienti abituali. Incuriosito, il giovane scoprirà una parte di Helene che non immaginava.

Karaoke, di Rupert Höller (Austria 2016, 9′).
Walter, il proprietario della società di karaoke “KARA OKAY” vive nel suo mondo, il mondo della musica. Quando una sera una turista danese visita il suo bar e rimane colpita dal suo canto, l’uomo ha la possibilità di esplorare anche il mondo delle donne. Ma quando lui le chiede di cantare sul palco, la notte si risolve in modo diverso da quello previsto.

Kleinheim, di Michael Ciesielski (Germania 2016, 9′).
Per gli adolescenti alla stazione degli autobus, il villaggio è un paradiso. Tutto è perfetto. Ma Jessica vuole sapere dove è il bus. Cosa c’è dietro il campo di grano?

La voce, di David Uloth (Canada 2015, 20′).
La Voce si ispira all’opera di Donizetti, Lucia di Lammermoor, e all’epoca del cinema muto. Si tratta di una favola satirica che racconta la storia di Edgar, un macellaio che lavora in un mattatoio. Edgar ama cantare l’opera. E soprattutto ama Ginette, la spogliarellista dei suoi sogni. Il giorno in cui sta per chiederle di sposarlo però è il giorno in cui la sorprende a letto col suo capo. Lo shock è tale che Edgar perde la voce, per ritrovarsi con quella di un maiale …

The First Time I Saw Francis Taylor He Was in Slow Motion, di Sousa  Haz (Ungheria 2016, 7′).
Lei crea timelapses, lui lavora con lo slow motion. È possibile incontrarsi in tempo?

Prezzi e altre informazioni

Biglietto intero: € 5
Biglietto ridotto: € 4
Sonorizzazione Genuine: € 15 (prevendita €12)
Abbonamento (Genuine escluso): € 20

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito del festival SoundScreen 2017.

 

Informazioni sull'autore

Roberto Turturro

Roberto Turturro

Nerd, musicista, fotografo.
Sono un amante del dettaglio e delle piccole cose.
Ogni tanto mi perdo a fantasticare su un mondo immaginario in cui gli artisti emergenti riescono ad avere il successo che meritano.

Lascia un commento